Dieci criteri per il bodywork - Luigi Lacchini - sapienze tradizionali dell'India

Luigi Lacchini
Filosofia e psicologia yogico-tantrica
Filosofia e psicologia yogico-tantrica
Body, Touch & Care - Life Coaching Method
Psicologia yogico-tantrica
BTC - Life Coaching Method
Vai ai contenuti

Menu principale:

Dieci criteri per il bodywork

Pubblicazioni
Luigi Lacchini - 2010

Dieci criteri per il bodywork psicoenergetico
un minuscolo vademecum per l'arte del tocco

1. Nemo dat quod non habet – Se l’operatore non è in pace non può aiutare a trovare pace, se l’operatore non è in equilibrio non può aiutare a trovare equilibrio, se l’operatore non ha benessere non può aiutare a ritrovare il benessere.

2. L’essenza di ogni massaggio è il contatto – Il modo in cui si effettua il primo tocco, il modo in cui si mantiene il rapporto con il corpo del ricevente durante tutto il massaggio, e il modo in cui si prende congedo alla fine del massaggio racchiudono ogni comunicazione non verbale tra operatore e ricevente.

3. Il momento al termine di un massaggio è uno spazio sacro – Quando il massaggio è finito stai in silenzio e aspetta che il ricevente “metabolizzi” tutto ciò che è accaduto. Non parlare, non muoverti, non fare rumore, non riordinare, non lavarti le mani. Stai e attendi. Se non te ne fossi accorto, è successo un miracolo: un essere umano si è affidato ad un altro essere umano ed è stato accolto senza giudizio.

4. Si può massaggiare con qualunque parte del corpo, purché sia sempre il cuore – Accogli ogni ricevente senza giudicarlo. Se non hai il cuore nelle mani cambia mestiere!

5. Il corpo è un meraviglioso strumento musicale: suonalo con il giusto ritmo – Come il ritmo è l’anima della musica, così il ritmo è l’anima del massaggio. Ma non si suona senza ascoltare e, per ascoltare, occorre silenzio. Il silenzio nasce dal vuoto.

6. Respira! – Il respiro è vita; il respiro è scambio; il respiro è ritmo; il respiro è accoglienza. Senza respiro tu sei morto è il tuo massaggio è morto con te.

7. Il massaggio non è un’aspirina – Vai da un operatore del massaggio. Chiedigli due trattamenti. Se la seconda volta ti fa lo stesso massaggio della prima, cambialo!

8. Il massaggio è uno scambio – Chi dà? Chi riceve?

9. Tu sei la tua postura – Controlla il tuo corpo nello spazio. Se tu sei rigido il tuo massaggio è rigido, se tu sei sgraziato il tuo massaggio è sgraziato, se tu sei lontano il tuo massaggio è lontano, se tu sei chiuso e contratto il tuo massaggio è chiuso e contratto.

10. Il massaggio è istinto, tecnica, arte e accoglienza – Se vuoi crescere nel massaggio, rendi raffinata la tua sensibilità, non smettere mai di studiare, nutriti di bellezza, pratica con raffinatezza e apri il tuo cuore

Per approfondire...


Corsi di specializzazione
Formazione "on demand" anche via web
Milano / Novi Ligure (AL)
+39 377 1840412
Torna ai contenuti | Torna al menu